Inverno e salute: l’alimentazione per difenderci dal freddo.
11/01/2018
Nell’orto di gennaio, il pieno di salute!
25/01/2018

La scorsa settimana abbiamo parlato dell’alimentazione invernale, in particolare di come dovremmo adeguarla alle esigenze climatiche della stagione più rigida. Come riuscirci? Consumando cibi antifreddo!

Ricordiamo infatti, che durante i mesi freddi l’organismo ha bisogno di assumere una maggiore quantità di energia rispetto ai periodi più caldi: un’esigenza che si traduce nel consumo di cibi più calorici e più elaborati. Ed ecco che la tavola diventa una preziosa alleata per la nostra salute: legumi, carne, frutta e verdura di stagione, dovrebbero essere consumati a fasi alterne.

Scopriamo oggi quali sono i cibi antifreddo, in grado di fornire all’organismo un adeguato apporto calorico e dare una “sferzata energetica” al nostro metabolismo, che è invitato proprio attraverso l’alimentazione, a produrre più calore.

I cibi anti-freddo: quali sono?

Legumi

Fra i cibi più ricchi di ferro, ci sono sicuramente i legumi che contengono questo minerale utilissimo quando fa freddo, in quanto contribuisce a creare una sorta di scudo termico. Ricordiamo, inoltre, che il ferro assimilabile dall’organismo si trova soprattutto nel pesce e nella carne.

Kiwi

Questi frutti aiutano la pelle a difendersi dal freddo. Grazie al contenuto di vitamina C (ben 85 milligrammi ogni cento grammi, contro i 50 milligrammi medi degli agrumi), favoriscono la produzione di collagene, struttura di sostegno dei tessuti connettivi in generale e del derma in particolare.

Broccoli e crucifere

Anch’essi sono ricchi di vitamina C e di carotenoidi, che sono precursori della vitamina A. Stimolano le difese immunitarie che in inverno sono inevitabilmente più fragili. Se non sono di nostro gradimento, i broccoli possono essere sostituiti da carote, zucca, patate, pomodori, spinaci, carciofi, barbabietole rosse, cavolfiori e peperoni, ricchi di carotenoidi.

Carne

Quando parliamo di carne, parliamo di proteine, elementi importanti da introdurre nella dieta, seppur con moderazione. Questo perché un eccesso di proteine potrebbe appesantire il lavoro di fegato e reni.

Frutta secca

Cibo anti-freddo per eccellenza, la frutta secca fornisce all’organismo un ottimo apporto di zinco, che aiuta a combattere gli stati di raffreddamento. E’ possibile trovare questo minerale anche nella carne di manzo, nel germe di grano, nel tuorlo d’uovo, nelle ostriche, nei crostacei, nei cereali, nei legumi, nelle verdure, nel lievito di birra e nella leticina di soia. Particolarmente consigliato il consumi di noci, mandorle e nocciole; le ultime due contengono tocoferolo (vitamina E), prezioso alleato contro raffreddori e influenza.

Spremute d’arancia (e di agrumi)

Aiutano a velocizzare il metabolismo che di conseguenza produrrà maggior calore. Grazie alla vitamina C e alle antocianidine, le spremute sono un valido supporto per combattere i malanni di stagione, svolgono un’azione protettiva sulle cellule e sul sistema immunitario.

Yogurt

Un consumo costante di probiotici aiuta a ridurre i casi di infezione e rende le forme influenzali meno aggressive.

Cereali

Sono un’ottima fonte di fibre e aiutano il corpo a scaldarsi evitando di appesantirlo.

Acqua e Tè

L’idratazione è molto importante, anche d’inverno si consiglia di introdurre liquidi attraverso acqua, tè, tisane (per esempio quelle alla lavanda, al timo, sambuco o liquirizia, sono le migliori contro il raffreddore) e minestre.

Dolci con moderazione

È bene sapere che i dolciumi, dalle torte ai biscotti, passando per le caramelle, non riscaldano l’organismo ma lo appesantiscono. Questo poiché gli zuccheri hanno un basso potere termogenico e ancor meno i grassi. Certo… ogni tanto ci si può concedere del cioccolato fondente, il cui apporto di magnesio e caffeina aiuta a combattere la stanchezza, oltre a stimolare il sistema nervoso.

Spezie e altro

Un pizzico di zenzero sulle pietanze contribuisce ad aumentare il flusso della circolazione sanguigna, svolgendo così un’azione riscaldante per l’organismo. Il peperoncino, di cui abbiamo già parlato, contiene una buona dose di vitamina C, funge da anti-freddo e anti-età.

Qualche suggerimento per i vostri piatti invernali. 

Bene, sappiamo quali sono i cibi anti-freddo e quali sono i loro benefici, ma come concretizziamo questi consigli alimentari? È semplice! Preparando alcune fra le pietanze d’eccellenza dell’inverno che rappresentano il giusto connubio tra correttezza nutrizionale e benessere psicofisico. Fra queste: le zuppe di cereali e legumi, come pasta e fagioli, pasta lenticchie, pasta e ceci, riso e piselli e così via.

Il minestrone di verdura con pasta o riso. Sono piatti che possono essere arricchiti con proteine di origine animale, formaggio grattugiato o olio extravergine d’oliva,che conferisce vitamina E e antiossidanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *