Mangiare la frutta dopo un pasto, sì o no?
19/07/2018
Fichi: un dessert naturale
02/08/2018

Il frutto della passione appartiene alla famiglia delle Passifloracee, proviene dal Brasile, anche se attualmente viene coltivato in alcuni paesi a clima tropicale e subtropicale.

Oltre che per il suo sapore dolce, lo ricordiamo certamente per la sua forma ovale e la sua buccia di colore viola, giallo o rosso. Definito anche maracuja o granadilla, a seconda del paese di provenienza, ha una polpa interna dalla consistenza gelatinosa che rilascia un intenso e caratteristico profumo. 100 grammi di passion fruit corrispondono a circa 97 Kcal.

I suoi semini sono utilizzati come nutrimento per gli animali e dalla buccia viene estratto un olio utilizzato principalmente nell’industria cosmetica.

I benefici del frutto della passione

 Il frutto della passione, come tanti altri frutti tropicali, è un vero e proprio scrigno di proprietà nutritive utilissime al nostro organismo. Ecco a voi un piccolo elenco!

Sostanze antiossidanti

Grazie all’azione antiossidante, aiuta a contrastare i processi di invecchiamento. In particolare queste sostanze sono in grado di proteggere l’organismo dall’invecchiamento cellulare e dall’insorgenza di tutti quei disturbi che ne possono derivare, come ad esempio le malattie cardiovascolari.

Pecorina

Questa sostanza protegge la salute di cuore e vasi sanguigni in virtù dei suoi effetti benefici sulla stabilizzazione dei grassi e sull’accumulo di colesterolo.

Betacarotene

 Un nutriente essenziale, soprattutto in estate, in quanto protegge la pelle dall’invecchiamento e aiuta ad abbronzarci meglio.

Pectina

Una fibra molto importante, che rende il frutto della passione uno degli alimenti più digeribili, in quanto aiuta a mantenere in salute l’apparato gastrointestinale. La pectina fa si che il passion fruit sia un frutto adatto a regolare l’intestino, a prevenire la colite e a combattere la stipsi.

 Vitamina C

 Grazie al contenuto di vitamina C, il frutto della passione può essere considerato un antinfiammatorio naturale.

 Infine, il consumo di maracuja è davvero utile contro il diabete: grazie alla sua polpa, il frutto aiuta a controllare la glicemia nel sangue ed è adatto anche a chi soffre di diabete di tipo 2.

Come capire se è maturo?

In genere il frutto della passione raggiunge la sua maturazione quando la buccia assume una colorazione violacea o gialla nel caso del passion fruit tropicale. Tuttavia, vi sono anche altri elementi che possono indicarci il grado di maturazione: l’odore aromatico e la consistenza della buccia.  Se si piega ed è un po’ grinzosa il frutto è pronto per essere consumato.

Come conservarlo?

 Il frutto della passione va conservato in frigorifero, dove può rimanere per 6-7 giorni circa. Se si vuole conservare per un tempo più lungo, si può mettere la sua polpa (o il frutto intero) in congelatore.

Come mangiare il frutto della passione

 Se ve lo siete chiesti spesso, il maracuja andrebbe tagliato a metà e mangiato fresco, magari con l’aiuto di un cucchiaino. Oltre a mangiarlo al naturale, il frutto della passione, può anche essere utilizzato per tante dolci ed esotiche creazioni. Ad esempio, viene utilizzato per preparare torte, mousse, sorbetti, cocktail, marmellate o succhi.

Lo avete mai provato abbinato allo yogurt bianco? Il contrasto tra l’acidità di quest’ultimo e la dolcezza del frutto ne fa un dessert davvero gustoso e frizzante!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *