Effetto giraffa: mangiare bene migliora l’abbronzatura!
31/05/2018
Nell’orto di giugno: zucchine, melanzane e fagiolini
14/06/2018

Ricco di Omega 3 e grassi polinsaturi, il salmone è un alimento gustoso che si presta a numerose ricette: da quello in crosta, alle tartarre, come ingrediente base per insalate fresche e leggere oppure come condimento di sushi e sashimi. Un pesce in grado di donare ad ogni piatto un gusto davvero unico, chi non adora il suo sapore dolce e affumicato?

Non solo buono: quel che c’è da sapere a proposito di questo pesce è che se consumato fresco, offre preziosi benefici alla salute, tante proprietà nutrizionali ed un significativo apporto di proteine, vitamine, sali minerali e calorie.

Oggi viene allevato in acquacoltura nelle regioni dell’Europa, dell’Atlantico, dell’America e del Mar Baltico, perché ormai trovarlo allo stato selvaggio e naturale è quasi del tutto impossibile. Solo in Alaska può essere trovato in abbondanza allo stato naturale, dove per legge è vietato allevarlo.

100 grammi di salmone dell’Atlantico crudo contengono circa 200 calorie. I grassi ammontano al 13%, quindi 13g di grassi su 100 di prodotto fresco. Gli acidi grassi saturi sono di 3,1g, mentre il 3,9g gli acidi grassi polinsaturi e 3,8g gli acidi grassi monoinsaturi.

Il contenuto di colesterolo è di 55g, mentre quello di sodio ammonta a 59mg e ben 363g di potassio. Dal punto di vista delle proteine, il contenuto è del 20% e non vi sono i carboidrati presenti, discorso che vale anche per la fibra alimentare. Tra le vitamine invece, possiamo trovare la Vitamina A, C, B6, B12. Oltre all’alto contenuto di potassio, possiamo trovare tanti sali minerali quali il calcio, ferro e magnesio. 

I benefici del salmone 

Il salmone è una fonte naturale di acidi grassi essenziali, parliamo degli Omega 3, di grassi polinsaturi, ovvero quelli buoni, alleati della nostra salute e carotenoide.

Quali sono i benefici degli Omega 3?

La funzione più importante per il nostro organismo è la diminuzione del colesterolo cattivo (LDL) in favore di quello buono (HDL).

Gli Omega 3 aiutano a contrastare i radicali liberi, rallentando l’invecchiamento di cellule e tessuti, e mantenendo la pelle sana.

Svolgono inoltre una importante funzione di protezione del sistema cardiovascolare. Aabbassando i livelli di trigliceridi ed impedendo l’accumulo dei grassi.

Oltre a prevenire l’insorgenza di trombosi, ictus, ipertensione ed ipergliceridemia, hanno proprietà antinfiammatorie: sono in grado di ridurre le infiammazioni causate da varie forme di artrite.

Questi acidi grassi essenziali, sono in grado di ridurre il livello di diabete mellito di tipo 2, e favorire la crescita della massa muscolare. Per questo il salmone viene consumato anche dagli sportivi.

In generale, l’assunzione degli Omega 3 può prevenire i tumori e aiutare il cervello, riducendo il declino delle abilità mentali ed agendo da naturali antidepressivi.

Dove trovare una maggiore quantità di Omega 3? Nel salmone fresco piuttosto che in quello affumicato!

Parliamo di vitamine e sali minerali…

Alimento ricco di proteine nobili, sali minerali e vitamine, il salmone fornisce al nostro organismo una grande quantità di vitamina D, essenziale per la fissazione del calcio e la mineralizzazione delle ossa. Questo pesce contiene anche sostanze idrosolubili: tiamina (vitamina B1), niacina (vitamina B3), piridossina (vitamina B6), cobalamina (vitamina B12) e pro vitamina A.

Possiamo considerare ottime le concentrazioni di sali minerali, come fosforo, selenio, ma anche potassio e calcio. Il contenuto di sodio invece, è basso nel salmone fresco ma più alto in quello affumicato.

Proteine e calorie del salmone

Come abbiamo visto, questo pesce ha un elevato contenuto di proteine che lo rendono un’ottima alternativa alla carne rossa. In 100 grammi di salmone fresco inoltre, sono presenti circa 200 calorie (13% di lipidi), mentre in quello affumicato sono 150 (con il 5% di lipidi). Il metodo dell’affumicamento infatti, riduce il contenuto di grassi, aumentando il contenuto di proteine, sodio e colesterolo.

Proprio in virtù della sua ricchezza di proteine e grassi il suo contenuto calorico è significativo!

Alcune controindicazioni del salmone

Il salmone è indubbiamente una carne molto pregiata, tuttavia è sconsigliato assumerne quantità elevate. Prima di tutto, poiché molto spesso i salmoni allevati in acquacoltura, in particolari regioni, sono OGM, oltre ad essere alimentati con ormoni, disinfettanti o antibiotici dannosi per la salute. C’è da dire inoltre, che è sconsigliabile assumerlo in gravidanza, poichè il salmone in acqua assorbe metalli pesanti, che possono incidere negativamente sul sistema nervoso del feto.

A causa dell’alta percentuale di sodio contenuta, può favorire la ritenzione idrica, soprattutto per coloro che soffrono di ipertensione. Infine, essendo un pesce particolarmente grasso e calorico bisogna limitarne le quantità, per non prendere peso.

1 Comment

  1. […] minuti in forno) e spalma una buona dose di formaggio morbido, scegline uno non troppo saporito, adagia una fettina di salmone e cospargi con una cascata di scorza di limone che darà quel tocco agrumato al tuo […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *