Alimentazione e benessere: conoscerli meglio per mantenere il giusto peso.
21/09/2017
pera, frutto, vitamine, sali minerali, glicemia, colesterolo
La pera: un dolce concentrato di benessere, in poche calorie.
04/10/2017

Irrinunciabile e gustosa, la Pizza è senza dubbio uno dei piatti più famosi e apprezzati del mondo, oltre ad essere sicuramente quello preferito dagli italiani. Un must della tradizione mediterranea, come resistere alla bontà della mozzarella filante, della salsa di pomodoro, dell’olio d’oliva e di tutte le infinite combinazioni di condimento, che danno libero sfogo alla fantasia culinaria?

Croce e delizia, quando si parla dei suoi carboidrati, che spesso  rendono questo succulento alimento un cibo da evitare. Quello che forse non sapevi però, è che la pizza ha alcune proprietà benefiche, una su tutte: tiene lontano il pericolo di tumori.

Secondo uno studio italiano, infatti, il suo consumo è associato ad una diminuzione del rischio di tumore all’apparato digerente, e riduce, inoltre il rischio di infarto. Per conoscerla più da vicino, parliamo per esempio, della regina delle pizze: la margherita. I suoi ingredienti sono la farina, il lievito, il pomodoro, la mozzarella, l’olio extravergine d’oliva, il basilico e il sale. A livello nutrizionale cento grammi di pizza contengono circa 52 grammi di carboidrati, 20 grammi di salsa di pomodoro, 20 grammi di mozzarella, 4 grammi di olio di oliva, 2 grammi di lievito, più i vari condimenti. Vediamo ora, nel dettaglio quali sono i benefici di ogni singolo ingrediente della pizza.

La farina

Contenuta nell’impasto, ha un’alta percentuale di carboidrati complessi, che si traducono in un pieno di energia. Inoltre, i cereali forniscono una discreta quantità di proteine, vitamine del gruppo B, fibre alimentari e sali minerali. L’olio extravergine di oliva In grado di garantire il giusto apporto di grassi vegetali e polifenoli, preziose sostanze antiossidanti, che contrastano l’azione dei radicali liberi.

La mozzarella (o i formaggi)

I latticini si sa, aggiungono modiche quantità di proteine animali e ancora un po’ di grassi. Tuttavia questi ultimi non rappresentano solo una fonte calorica, ma donano alla pizza il suo tradizionale gusto.

Il pomodoro

Considerato il “Principe” della cucina mediterranea. Contiene licopene, sostanza antiossidante di cui abbiamo già parlato in questo articolo. Il pomodoro facilita la digestione degli amidi, del pane e della pasta.

Il sale

Meglio se integrale, non raffinato. Ha un alto contenuto di iodio-naturale- e ioduri, che sono in grado di regolare il buon funzionamento della tiroide, importante per il nostro metabolismo. Il sale contiene tantissime micro particelle vitali con un alto valore biologico: magnesio, zolfo, calcio, potassio, bromo, carbonio, zinco e fosforo.

Il basilico

La fogliolina verde brillante, con il bianco della mozzarella e il rosso del pomodoro, fanno della pizza la tela sulla quale dipingere il tricolore italiano. Le foglie di basilico sono digestive, antisettiche e profumano l’alito.

Quante calorie contiene una pizza? Secondo i dati forniti dall’Istituto della Nutrizione, si può dire che 100 grammi di una generica pizza con pomodoro e mozzarella sviluppano 251 kcal e apportano 52 grammi di carboidrati, 5,6 grammi di grassi e 5,6 grammi di proteine.  Facendo un piccolo calcolo dunque, una pizza margherita di 250 grammi potrebbe sostituire, dal punto di vista delle calorie totali, un pasto completo; sarebbe in grado di apportare una quota di amidi più che adeguata ai fabbisogni nutrizionali e, addirittura, una quantità di grassi inferiore rispetto alla soglia.

La pizza, dunque, se preparata con gli opportuni accorgimenti e associata ad un regime dietetico equilibrato, è in grado di rispondere ai fabbisogni quotidiani di carboidrati, grassi, proteine, fibre, vitamine e minerali. Per chi pratica attività sportiva, la pizza può costituire un ottimo “carburante” e, se preparata con ottime materie prime, può aiutare a ridurre la massa grassa e a dimagrire in maniera “intelligente”.

Diciamo sì, dunque, alla pizza, senza dimenticare di non esagerare troppo con le porzioni e scegliendo preferibilmente i gusti più semplici…. Come la deliziosa margherita!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *